Stephen Jackson accusa Tony Parker per la perdita di 2012 playoff Spurs 'a Thunder

L'ex giocatore NBA Stephen Jackson non è uno a mezzi termini. Che sarà lui a dire quello che sente su di un altro giocatore e un sacco di tempo è qualcosa di negativo su questo giocatore, anche se si tratta di un ex compagno di squadra. In questo momento, che l'ex compagno di squadra è San Antonio Spurs la guardia Tony Parker. Jackson ha giocato con la Parker 2001-03 sugli Spurs e li ha aiutati a vincere un campionato nel 2003. Poi è tornato alla squadra nella stagione 2011-12 per aiutarli con una corsa playoff. Ma quel periodo è stata tagliata più corta di quanto pianificato quando hanno perso il Oklahoma City Thunder in finale della Western Conference dopo essere stato sul 2-0 nella serie.

Qual è stato il motivo di tale perdita? Jackson incolpa Parker per giocare a basket egoista e cercando di trasformare la squadra contro di lui in gara 6, quando Jackson stava girando bene la palla dall'esterno. Questo è quello che ha detto sul podcast ESPN TrueHoop quando ha chiamato anche Parker un "doppio agente" con il tentativo di dire cose di Jackson dietro la schiena.

Queste sono alcune accuse piuttosto gravi. Parker sacrificare il successo a 11 anni la sua squadra nella sua carriera dopo aver già vinto tre anelli di campionato al fine di ottenere riconoscimenti personali in un gioco di eliminazione dei finali di conference? Non ha molto senso, ma anche noi non erano in quello spogliatoio.

A quel tempo, gli Spurs erano una sega circolare completo. Hanno vinto 18 delle ultime 19 partite di regular season, tra cui la finale otto di fila. Poi hanno spazzato i primi due turni dei playoff e ha vinto le prime due partite della WCF. Avevano vinto 18 partite di fila prima che il Thunder finalmente sfondato contro di loro e snocciolato quattro vittorie consecutive, tra cui quella del gioco egoista 6 come Jackson dice. Jackson era sui contrafforti per la maggior parte della prossima stagione, ma è stata cancellata dalla squadra dopo la scadenza per quando i giocatori possono diventare agenti liberi, ma ancora fare un roster postseason.